Eccidio di Fornelli, la Germania condannata a 12 milioni di risarcimento

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Creato Venerdì, 11 Dicembre 2020 13:44
Ultima modifica il Venerdì, 11 Dicembre 2020 14:40
Pubblicato Venerdì, 11 Dicembre 2020 13:44
Visite: 857

Ieri è stata una giornata storica per il comune di Fornelli, in provincia di Isernia, che farà giurisprudenza anche per avvenimenti similari in Italia. Il Tribunale della città pentra ha condannato la Germania a indennizzare il Comune ed i familiari delle 6 vittime uccise dai nazisti il 4 ottobre 1943, con una somma pari a 12 milioni di euro, di cui 630.000 spetteranno all’ Amministrazione comunale. La vicenda ebbe inizio con l’uccisione di un soldato tedesco causata da una bomba per evitare razzie di beni di prima necessità da parte dei nazisti. A seguito di questo fatto, il 4 ottobre 1943 l’esercito tedesco, assassinò per impiccagione il podestà, Giuseppe Laurelli ed altri 5 fornellesi: Domenico Lancellotta, Celestino Lancellotta, Michele Petrarca, Giuseppe Castaldi e Vincenzo Castaldi. Dopo la mattanza i corpi delle vittime furono lasciati sul luogo dell’esecuzione fino al 19 ottobre. Il Sindaco del paese, Giovanni Tedeschi, ha commentato l’epilogo del tragico avvenimento: "Questa è una sentenza storica. Finalmente la perseveranza con cui siamo andati avanti, nonostante lo scetticismo e la derisione di alcuni, è stata premiata. Certo ora sarà difficile ricevere il risarcimento, ma andremo avanti facendo tutti i passi successivi". Una pagina oscura per la nostra Nazione finalmente ha avuto giustizia.

di Domenico Pio Abiuso